Attività Politica

🔴 Anniversario rapimento #AldoMoro, #Pretto (#Lega): inammissibile che si tenti di giustificare il #terrorismo di matrice politica 💥

🚔 Vicenza, 16 marzo 2021: “Oggi ricorre il drammatico anniversario del rapimento dell’On. Aldo Moro, Presidente della Democrazia Cristiana. Era la mattina del 16 marzo 1978, giorno in cui il nuovo governo guidato da Giulio Andreotti stava per essere presentato in Parlamento per ottenere la fiducia, quando l’auto che trasportava Aldo Moro fu intercettata e bloccata in Via Mario Fani a Roma dal gruppo armato delle Brigate Rosse. I brigatisti uccisero tutti gli agenti della scorta e sequestrarono il Presidente della Democrazia Cristiana che, dopo una prigionia di 55 giorni, fu ucciso e fatto ritrovare il 9 maggio 1978 nel bagagliaio di una Renault 4 rossa parcheggiata in Via Caetani a Roma. Una vicenda eclatante che si inserì nel periodo più tragico della storia repubblicana noto come “anni di piombo”, caratterizzato dall’azione di movimenti eversivi che intendevano sovvertire l’ordine democratico, privando il popolo italiano delle libertà individuali così faticosamente conquistate. Anche il Veneto fu dolorosamente segnato dall’azione sconsiderata di gruppi eversivi di estrema Sinistra che, specialmente nella seconda parte degli anni Settanta, perpetrarono occupazioni di fabbriche, attentati incendiari, furti ed intimidazioni. Nonostante la reazione forte dello Stato, le indagini ed i processi che condannarono molti dei membri di associazioni sovversive quali Potere Operaio, Autonomia Operaia Organizzata e Collettivi Politici Veneti per il Potere Operaio, vi sono ancora nostalgici che, in forma individuale o collettiva, tendono in parte a giustificare queste azioni violente provando ad accreditare teorie innocentiste verso il terrorismo di matrice politica. Una deriva inaccettabile che va chiaramente condannata in primis da chi ha l’onore di rappresentare le Istituzioni dello Stato a qualsiasi livello, ritenendo inammissibile che vengano pubblicamente esaltati esponenti, princìpi, fatti o metodi tipici dei movimenti eversivi già oggetto di condanne per reati gravi”. Lo dichiara il deputato vicentino della Lega, Erik Pretto.